Mancano pochi giorni al 25 maggio e la situazione del GDPR in Italia, secondo numerosi analisti, sembra ancora complessa: molte aziende non hanno ancora ottenuto la conformità e tante si domandano se i livelli di protezione e gestione saranno allineati al regolamento.

L’obiettivo del nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati personali, il GDPR, è quello di regolamentare come le aziende elaborano, memorizzano e distruggono i dati personali degli utenti.

ADA.DPM, il nostro software per la gestione di dati, documenti e informazioni aziendali, integrandosi a tutte le applicazioni aziendali in uso, permette di amministrare con un unico strumento centralizzato, tutte quelle procedure, processi e informazioni che sono alla base della conformità al GDPR. Tutto è tracciato, misurabile e dimostrabile, ma soprattutto grazie ai workflow di processo è possibile dirigere l’attività dell’azienda.

ADA.DPM permette di impostare scadenze di verifica, classificando i rischi sulla base di impatto e probabilità. L’eventuale integrazione con sistemi di security intelligence consente di creare workflow per gestire la classificazione della violazione dei dati, l’eventuale comunicazione agli utenti interessati e l’invio dell’avviso, tramite modello predefinito, all’autorità competente.

ADA.DPM garantisce l’integrità delle informazioni, tutela e traccia gli accessi all’archivio, protegge tramite crittografia, rende accessibili le informazioni solo tramite protocolli di autenticazione e permette la creazione di una struttura di accessi controllati.

Con la nostra piattaforma, le aziende possono organizzare le attività secondo la logica dei processi, gestendo il rischio, aumentando l’efficienza e la capacità di soddisfare le proprie esigenze.

Adawen è in grado di supportare le aziende in questo processo creando soluzioni su misura.